Ti trovi qui: Home » I francobolli » La parabola del cretino: Condello, il Viminale e il Ros reggino

La parabola del cretino: Condello, il Viminale e il Ros reggino

di Nando dalla Chiesa

Proviamo a sintetizzare la notizia. Il 18 febbraio del 2008 Pasquale Condello, boss eccellente di Reggio Calabria e perciò soprannominato ‘il Supremo’, viene arrestato dai carabinieri dei Ros. Era latitante da vent’anni e lo prendono sfondando la porta dell’appartamento in cui era rifugiato. Operazione complessa e difficile, per la quale lo Stato dovrebbe dire grazie agli autori e semmai pensare a una benemerenza. Invece lo Stato riceve dal complice di Condello una richiesta di danni per la porta sfondata. E invece di decidere in un nanosecondo di denunciarlo per lite temeraria, come si dice in gergo tecnico, gira la richiesta del risarcimento agli uomini dei Ros, invitati anche a rendere pubblici in questo contenzioso nomi e domicilii privati. Ovvero: come indurre a non credere nello Stato le stesse persone che per lo Stato rischiano la vita. E come confermare una volta di più la grandiosità di quell’intuizione di Giovanni Falcone: la vera forza della mafia sta nei cretini, in questa inesauribile riserva di cretini che le viene messa a disposizione dalle istituzioni e dalla società. Magari ci fossero solo i complici.

Un commento

  1. Io leggendo il suo francobollo, ho preso carta e penna, ed ho scritto al ministero dell’interno, Piazza del Viminale n. 1 – 00184 Roma,ho spedito una@mail alla polizia di Stato:
    Ora che finalmente al governo di questo bel paese vi sono persone competenti come Anna Maria Cancellieri e non amatori da piano bar, spero d’avere l’onore di trovare una ferma rettifica verso una notizia che sembra una comica: la richiesta di risarcimento di Pasquale Condello verso una porta sfondata dagli uomini dei Ros per stanare un pericoloso latitante.
    Lo Stato è contro la mafia, non ricerca i nomi dei suoi servitori per ripagare chi ruba, truffa ed uccide !
    Falcone affermava che la vera forza della mafia sta nei cretini, questo paese è impregnato di raziocinio e son convinta che anche ai vertici del ministero dell’interno si comincino a sprigionare assennate ed acute intelligenze: cominciate a produrre dei risultati e denunciate per lite temeraria questa richiesta di risarcimento.
    http://www.stampoantimafioso.it/wp-content/uploads/2011/11/303803_312753775417073_295036227188828_1359152_198129585_n.jpg

Inserisci un commento