Ti trovi qui: Home » Riflessioni » La preghiera dei miserabili.

La preghiera dei miserabili.

Un poema, figlio dello “sdegno per la disonestà mafiosa”. Un poema, figlio di un “un senso di disonestà, sporcizia, viltà verso me stesso”. Daniele Lo Giudice, ventiquattrenne cittadino di Pioltello (Milano), di mestiere educatore, risponde così quando gli chiedo come e da cosa sia nata La preghiera dei miserabili che leggerete pubblicata qui di seguito. Un poema, ancora, che nelle intenzioni del suo autore, vuole essere “un monito alle persone, al popolo, alla gente comune, una provocazione alle coscienze di questi per esorcizzare la meschinità, che ogni uomo cova, e rompere l’incantesimo di viltà sociale che ci attanaglia”. Un poema, infine, riassumibile in una parola; gliela chiedo: coscienza, risponde. “Perchè è sempre lei la mittente e la ricevente dei miei messaggi. Non sono io a comunicare con gli altri: la mia coscienza comunica a me il messaggio ed io sono il ponte attraverso cui raggiungo gli altri, che a loro volta destinano il messaggio alla propria coscienza. Alla fine quello che voglio è un’onesta chiacchierata tra coscienze”.
Nel ventennale della strage, Stampo Antimafioso ricorda così il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Grazie, Daniele. 

 

La preghiera dei miserabili

 

L’omertà storica

produce i martiri della memoria.

Lo scetticismo ci nasconde i virtuosi ancora vivi

e la conseguente indifferenza li rende morti.

L’ipocrisia infine

è il seme del nostro senso di colpa

che abbiamo di fronte ai martiri,

vittime per cui ci rimproveriamo la fine

ma con l’atteggiamento rassegnato di chi si affida al fatalismo,

attrezzandoci a rimboccarci gli occhi sotto coperte di lacrime

così da non vedere chi ancora martire non è

ma merita la stessa pubblicità, lo stesso orgoglio.

 

Ma pare che qui si riconosca il coraggioso

solo quando di cognome fa caduto,

solo se ha la sostanza di metallo e le sembianze canoniche,

perfette e distanti

delle statue

perfette perché inanimate, impossibilmente reali.

Gli attribuiamo così quell’alone divino

che lo risalta e insieme allontana da noi,

lo allontana a tal punto da renderlo ideale,

da ricordarlo solo come statua,

mai esistito realmente da umano

come il Gesù figlio di dio

e non il cristo uomo rivoluzionario.

 

Coraggioso caduto è una statua, è un concetto, un ideale

coraggioso caduto è perfetto perché inanimato

mentre noi siamo qui

non possiamo che contemplarlo

noi esseri animati quindi imperfetti,

imperfetti quindi legittimamente paurosi,

non coraggiosi,

uomini quindi imprescindibilmente, naturalmente vili,

insomma.

 

E lui? Quest’uomo che pare un cortocircuito: vivo e coraggioso al contempo?

A lui non pensiamo!

Lui è ancora vivo.

Qual è il suo sacrificio?

Nessuno

Appunto.

Lui non è ancora morto, non merita tutto ciò

Non merita il nostro senso di colpa

Unica vera ricchezza

unica vera responsabilità

unica vera dignità

di noi miserabili.

 

La pena: piangere ciò che non si ha.

La colpa: piangere per ciò che si è perduto.

 

E quando ce l’abbiamo a un passo non la vogliamo prendere

perché se la prendiamo poi che facciamo?

Di che ci lamentiamo?

Con chi ce la prendiamo?

Di che cosa abbiamo paura, poi?

Che senso abbiamo?

 

La libertà è una responsabilità che troppo spesso non ci sentiamo di prendere.

 

E allora aspettiamo che muoia

Cosi poi piangiamo, no?

Soffriamo, no?

Ci uniamo.

Aspettiamo che muoia,

così poi viviamo

hai paura di non avere più paura, eh?!

 

Aspettiamo che muoia

così l’uomo diviene martire,

il martire santo

e noi possiamo espiare le nostre colpe.

Esso è il sacrificio necessario alla nostra liberazione

perché ogni cultura ha i suoi simboli, eroi, idoli.

E nell’epica della miseria,

nella morale della paura

gli eroi sono morti,

gli eroi sono eroi perché sono morti

come le rock star che fino a che sono vive non se le caca nessuno

e quando crepano diventano indimenticabili

quando crepano quello che hanno fatto da vivi era bellissimo

perché sono morti.

Come se morire sia l’azione più dignitosa di chi vive come noi

come i miserabili

e non è un eroe perché ha fatto quelle robe da vivo

è un eroe perché  è morto! Perché se n’è andato

e noi non abbiamo neanche il coraggio di morire,

di diventare caduti, quindi di essere coraggiosi

mentre gli eroi sì,

i coraggiosi,

ecco perché si chiamano coraggiosi caduti.

 

Per noi miserabili

umani

quindi imperfetti

quindi paurosi

quindi vili

non c’è pace qui

non ci resta che onorarli con le nostre lacrime e piagnistei.

L’unica nostra dignità è umiliarci per la viltà di vivere invece che la virtù di morire.

Non c’è pace qui

Perché se si prova sollievo dignità solo nel senso di colpa per non aver preso ciò che si poteva e ciò che si è perduto

Il più grande senso di colpa

il più grande, sommo sollievo

il momento più alto, virtuoso

nella vita di un miserabile

è la morte

perché lì perdi veramente tutto

li sì che puoi davvero provarne di senso di colpa

peccato che sei morto!

miserabile e pure mazziato

destino crudele il nostro!

Forse è per questo che si crede ad un “dopo”:

un grosso posto dove tutti piangiamo

ci disperiamo

e soffriamo

e ci abbracciamo

per aver perso tutto

così dev’essere il paradiso nel girone dei miserabili.

Invece di star qui, parcheggiati in sto limbo ad aspettare di vivere quando muore qualcuno.

 

E allora avanti, cosa aspettiamo?!

Cos’abbiamo da perdere anzi, cos’abbiamo da guadagnarci?

Abbiamo solo da perdere. Appunto! E per noi è tutto di guadagnato!

E allora miserabili uniamoci

compiamo l’ultimo grande atto di dignità e sacrificio che ci spetta in quanto miserabili:

martirizziamoci

e abbandoniamoci finalmente nella beata ed eterna paura.

Dimenticavo, che coglione,

noi miserabili non lo facciamo proprio perché siamo miserabili

non siamo capaci di vivere per noi stessi,

ma ce l’abbiamo un Dio, no?

Si che ce l’abbiamo!

E allora Dio e a te che parlo anzi parliamo:

ti abbiamo fatto voto di scetticismo di indifferenza di omertà di paura,

che cosa aspetti ad esaudire il nostro desiderio

Ammazzaci

Facci vivere

Ammazzaci

Facci vivere

Ammazzaci

Facci vivere

Ammazzaci

Facci vivere

Ammazzaci

Facci vivere

Amm…

 

* senza contenuto
* senza contenuto

Inserisci un commento