Ti trovi qui: Home » Varie » Pronti, partenza, via… in Vespa e libertà!

Pronti, partenza, via… in Vespa e libertà!

Di Giorgia Venturini

vespa e libertàIl viaggio è iniziato. Ora per i nostri <<quattro moschettieri dell’antimafia>> sarà una continua scoperta. Una sorpresa. Un susseguirsi di strade in salita, discesa. Di strade sconosciute. Di volti nuovi. Di paesaggi e luoghi che l’Italia è pronta a regalare a loro e che loro, poi, saranno pronti a raccontare a noi.  Tutto questo lasciando ben saldo, però, il fermo immagine sul messaggio di speranza e  libertà che, stiate certi, Alberto, Andrea, Ettore e Claudio grideranno per tutta la nostra penisola. Tappa dopo tappa. Curva dopo curva.  Giorno dopo giorno.

Le quattro vespe anni ’80 firmate Uni(Ami)amo L’Italia in Vespa e libertà hanno acceso i motori, il 24 aprile, alle 7.30 da Maslianico, un piccolo paesino del comasco vicino alla dogana con la Svizzera, per poi proseguire per una breve tappa a Como fino ad arrivare a Milano, per la partenza ufficiale,  in via Benedetto Marcello, sotto l’albero dedicato ai due magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, uccisi da Cosa Nostra poco più di vent’anni fa. <<Abbiamo deciso di partire da questo luogo simbolo perché, lì come a Palermo, vicino alla casa del giudice Falcone, il Ficus Magnolia è una lapide in perenne evoluzione, mai uguale, dove pensieri scritti su foglietti, cartoncini e pezzi di stoffa sono spazzati via dal vento estivo – hanno spiegato i quattro vespisti -. Poi rinascono, portati ogni giorno negli anni che passano, da nuovi bambini e anche da quelli che ora, venti anni dopo, sono diventati adulti>>. Ad augurare loro buon viaggio c’erano tutti. Giuseppe Teri per Libera Formazione e Coordinamento nelle scuole, David Gentili, presidente della Commissione consiliare antimafia del Comune di Milano, Davide Salluzzo per Libera Lombardia, Rosy Tallarita per il Coordinamento lombardo dei famigliari delle vittime di mafia e Nando Dalla Chiesa, presidente onorario di Libera e presidente del Comitato antimafia di Milano. Ma anche studenti milanesi del liceo Volta, del Virgilio, del Molinari e del Marignoni Polo che hanno voluto dire la loro. Leggendo frasi e pensieri che sono stati poi depositati in un baule dei desideri diretto, anch’esso, a Palermo. Dove un altro albero della speranza li attenderà. Non mancava, però, anche qualche cittadino comune. Passante. Incuriosito, forse, dal vociare della folla riunita attorno alla magnolia. Dalle quattro vespe parcheggiate una accanto all’altra. Ma, soprattutto, da questo progetto. Unico. Originale. Che piace. <<Perché è proprio grazie ai piccoli gesti che l’antimafia avanza. Imprese come queste  possono fare la differenza>>, ha precisato Nando Dalla Chiesa.

Alberto, Andrea, Ettore e Claudio saranno sempre in comunicazione con chiunque voglia seguirli. Ogni giorno, infatti, alle 18.00 saranno in collegamento con radio100passi per raccontare la tappa della giornata, pubblicata anche su Linkiesta.

Il viaggio è iniziato. Sogni e aspettative ora lasceranno spazio a fatti e incontri. Nuove persone saranno pronte ad accoglierli, mentre altri li saluteranno. Tutte però descritte e raccontate in quel diario di bordo che i nostri fantastici quattro promettono di tenere aggiornato. Giorno dopo giorno. Fino alla fine. Quando la costituzione e il tricolore, custoditi nel baule della vespa, verranno donati a Libera Palermo a Portella della Ginestra, il primo maggio, con la promessa di riconsegnarglieli, un anno dopo, a Milano, dove terminerà, invece, la loro di avventura.

Il viaggio è iniziato. Perché come disse don Luigi Ciotti a Firenze il 16 marzo: <<Commuoversi non basta più, è arrivato il momento di muoversi>>. Tappa dopo tappa. Curva dopo curva. Giorno dopo giorno.

Di seguito una fotogallery dell’evento (cliccare sulle immagini per ingrandire)

[cincopa AMJAcL7MAC2q]

I 7grani sono il gruppo che hanno scritto “Caminante”, la canzone colonna sonora del viaggio di Mi-Pa | UniAmiamo l’Italia in Vespa e libertà. Comprando il brano su iTunes, contribuiremo all’acquisto di borse lavoro. Il progetto e’ supportato da LIBERA, CAROVANA ANTIMAFIE e altre organizzazioni tra cui Arci, CGIL, Coordinamento Comasco per la Pace.
Maggiori informazioni su www.7grani.it/

Inserisci un commento