Come spesso accade succede tutto insieme, Milano si scopre in provincia di Reggio Calabria tutto di un colpo. Sedriano, cittadina dell’hinterland, vince il primo scioglimento per infiltrazione mafiosa in Lombardia, e proprio mentre sabato pomeriggio i cittadini di Sedriano faranno una manifestazione per chiedere le dimissioni del proprio Sindaco, Milano non sarà di meno, ricorderà laicamente una donna coraggiosa, che ha voluto testimoniare contro la ‘ndrangheta, e che per questo è stata rapita e uccisa nel Comune meneghino proprio sotto i nostri occhi, mentre i suoi abitanti e le sue Istituzioni giocavano ancora allo scaricabarile, “alla mafia è roba da terroni”, “alla mafia è roba da film”.

Sabato Milano cercherà un po’ di farsi perdonare.

Certo tanto è cambiato. Grazie all’università, all’associazionismo e a una diversa sensibilità sull’argomento da parte delle Istituzioni ora la città è attenta, sveglia. Il Comune ha più volte, per bocca del Sindaco Giuliano Pisapia, ribadito la serietà del problema. Dopo le parole, i fatti, con l’istituzione di un Comitato Antimafia, presieduto dal Prof. Nando dalla Chiesa, a supporto della giunta e con l’istituzione di una Commissione Consiliare Antimafia, presieduta da David Gentili, che ha, con pazienza, portato la cultura antimafia all’interno del Consiglio Comunale. David Gentili si è reso disponibile per un’intervista sugli appuntamenti di Sabato dedicati a Lea Garofalo, che abbiamo il piacere di pubblicare:

Vi aspettiamo, quindi, tutti Sabato alle ore 10.30 in Piazza Beccaria per la celebrazione laica, è previsto l’intervento di Don Ciotti, presidente di Libera e del Sindaco Giuliano Pisapia. Nel pomeriggio l’inaugurazione dei giardini “Lea Garofalo” in via Montello, si svolgerà dalle 14.00 alle 19.00. Dove, dopo l’affissione della targa saranno previste iniziative, letture e stand aperti alla cittadinanza sulla tematica.

Related Post