Ti trovi qui: Home » Mondo

Archivio della categoria: Mondo

Abbonati ai Feed<

Mattinata Argentina

Argentina

di A. R. Difficile alzarsi. Tutti i giorni. Cercare un obbiettivo, una finalità, un entusiasmo, un colore da dare alla vita. È difficile alzarsi tutte le mattine in questo paese, che in meno di cinque mesi si è trasformato in un territorio sconosciuto per di più ostile. Da dicembre vago nella landa desolata della disoccupazione. Il mio contratto con il ... Continua a leggere »

Contrasto alla criminalità organizzata: Europol c’è

Europol

Hanno raggiunto quota 3600 le organizzazioni criminali attive in Europa.E’ quanto emerso dallo studio condotto da Europol, ormai quasi due anni fa.Un’agenzia molto giovane ma che, nell’allarmante scenario criminale europeo, gioca un ruolo sempre più importante: la cooperazione tra forze di polizia. Oggi, l’Europa è invasa da organizzazioni criminali, mafiose e non, sempre più flessibili, dinamiche e internazionalizzate, in grado ... Continua a leggere »

Cecenia: le guerre, i crimini, i criminali e i traffici

criminalità cecenia

La Cecenia è una Repubblica autonoma della Federazione Russa situata nel Caucaso, sul confine con la Georgia. Storicamente contesa fra le varie potenze che la circondavano, i suoi abitanti hanno da sempre dovuto difendersi, coltivando una grande volontà combattiva e un forte sentimento etnico-patriottico. Da quando vennero sottomessi fra la fine del Settecento e i primi anni dell’Ottocento dall’allora Impero ... Continua a leggere »

La “narcolonización” in Argentina

narcotraffico argentina

Il 10 dicembre del 2014 la Policia de Seguridad Aeroportual (PSA) argentina ha sequestrato circa 235 kg di cocaina e arrestato i membri di un gruppo criminale che trafficava droga in Sud America e Europa: una vera e propria multinacional narco, secondo le fonti giornalistiche argentine. Le indagini, durate due anni, hanno visto coinvolti cittadini argentini, boliviani, peruviani e paraguaiani; ... Continua a leggere »

Spagna: organizzazioni criminali, riciclaggio e contatti con la politica locale

mafia spagna

Se con la globalizzazione, le economie nazionali sono sempre più interconnesse le une alle altre, è anche vero che l’apertura dei mercati e lo sviluppo del commercio mondiale hanno permesso alle organizzazioni criminali di fare massicci investimenti nell’economia legale, laddove le condizioni (legali ed economiche) risultano più favorevoli. Uno dei paesi in cui le organizzazioni di stampo mafioso hanno trovato ... Continua a leggere »

Il mondo si mobilita per il Messico, forse troppo tardi?

messico milano

Come la storia insegna, all’umanità piace curare piuttosto che prevenire. E per giustificare questo fatto, molti glorificano il detto che è sempre “meglio tardi che mai”. Il caso dei 43 studenti di Ayozinapa, nello stato messicano di Guerrero, esemplifica tutto questo. In Messico si muore da anni, ma il clamore di questa tragica vicenda non può lasciare tranquilli nemmeno i ... Continua a leggere »

Afghanistan: oppio, narcos, “terrorismo” e guerra perenne

afghanistan

L’Afghanistan è un Paese dove l’assenza di strutture statali forti e solide è quasi da sempre una prerogativa. Inoltre, il suo essere al centro di quella regione nota come Mezzaluna d’oro fa sì che esso sia, ancora oggi, il cuore pulsante della produzione di oppio nella regione. Ciò che diede avvio allo sviluppo della situazione odierna fu certamente la guerra ... Continua a leggere »

L’evoluzione del PCC passa dalla ‘ndrangheta

pcc 'ndrangheta

La presenza delle organizzazioni criminali italiane in Brasile non è certo una novità. Esponenti della camorra da anni operano nel Paese, così come quelli della ‘ndrangheta e di Cosa nostra. Storico, ad esempio, è l’arresto nel 1983 a San Paolo di Tommaso Buscetta, che cominciò a far tremare i vertici della mafia siciliana. Quello che invece oggi rappresenta una novità ... Continua a leggere »

Beirut: tra rifugi e sogni d’oltremare

beirut 2

Non so quanti sorriderebbero al suo posto. Eppure il sorriso di Leila, oltre ad essere dolcissimo, è uno di quei sorrisi rassicuranti e pieni di speranza. Leila ha ventitré anni e vive nel campo profughi di Shatila nella periferia sud ovest di Beirut. Lo stesso campo profughi che insieme a Sabra nel 1982, fu attaccato dai falangisti libanesi e dall’esercito ... Continua a leggere »

Messico: guardie & ladri, cartelli, cartelitos e vigilantes

messico

Cercare di fare chiarezza all’interno dell’universo della criminalità messicana è ormai un’impresa a dir poco ardua. La narco-guerra che sta sconvolgendo il Messico dalla presidenza Calderon (2006), non sembra lasciare tregua al popolo messicano e le politiche dei passati governi (militarizzazione delle zone a rischio, uccisioni e arresti dei principali narcotrafficanti) hanno portato alla conseguente frammentazione del panorama sociale e ... Continua a leggere »