Ti trovi qui: Home » Tesi di laurea

Tesi di laurea

In questa sezione sono contenute alcune tesi di laurea, nella maggior parte dei casi frutto del lavoro di studenti che in questi anni hanno frequentato il corso di Sociologia della criminalità organizzata tenuto dal Professor Nando dalla Chiesa presso la Facoltà di Scienze Politiche, economiche e sociali (Università degli studi di Milano). Ci teniamo a ricordare che la proprietà intellettuale degli scritti è da attribuirsi ad ogni singolo autore e che gli elaborati sono contenuti negli archivi dell’Università. Ne raccomandiamo pertanto un uso rispettoso della proprietà intellettuale secondo le norme della licenza Creative Commons (Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0), ricordando che la violazione di tali diritti è punita dalla legge.
Ricordiamo inoltre che l’eventuale situazione giudiziaria delle persone giuridiche e fisiche citate nell’elaborato è da considerarsi tale fino alla data indicata al termine della breve descrizione. Se qualcuno dovesse riscontrare inesattezze o anomalie lo preghiamo di mettersi in contatto con la redazione di Stampo Antimafioso al seguente indirizzo: redazione@stampoantimafioso.it

“Scavare a fondo”. La criminalità organizzata nel traffico e nello smaltimento di rifiuti: il caso piemontese

di Francesco Di Donna

L’elaborato intende approfondire il ruolo della criminalità organizzata nel settore dello smaltimento illecito di rifiuti, ramo più pericoloso e redditizio del fenomeno delle ecomafie. L’indagine si restringe al caso piemontese, in cui “storia criminale” e “peculiarità geografiche” si incontrano, offrendo una precisa chiave di lettura. (16-07-2014)

L’imprenditoria antimafiosa. Il caso della NCO

di Elena Capone

Il cuore della vera Campania si rivela attraverso i sorrisi di bambini, ragazzi, uomini e donne che assieme hanno deciso di combattere il cancro della Camorra con l’umiltà, la gentilezza e la non violenza. Un viaggio nella mia terra, alla scoperta della NCO dei “giusti”, la Nuova Cooperazione Organizzata, un consorzio di cooperative che si basa sulla convinzione che nonostante le difficoltà, un riscatto sociale è possibile e che, da simbolo di decadimento morale ed umano, le terre di Gomorra possono risorgere e riscattarsi. Ad oggi si contano centinaia di realtà alternative incarnate dalle cooperative sociali, che operano su terreni confiscati e che si impegnano a restituire oltre ai valori di dignità e lavoro, una terra liberata ed un’economia pulita alla propria comunità.

Organizzazioni criminali e stato. Il caso del cartello di Medellin in Colombia.

di Laura Perego

Questo elaborato è frutto dell’interesse sorto durante il corso di “Organizzazioni Criminali Globali”. L’obiettivo è quello di analizzare il tentativo di costruzione di un narco-stato da parte del leader del Cartello di Medellìn, Pablo Escobar, senza, tuttavia, tralasciare il contesto colombiano, ovvero tutti quegli aspetti storici, economici e sociali che lo hanno reso possibile.  Fondamentale è stato anche prendere in considerazione i controversi rapporti tra la Colombia e gli Stati Uniti e le politiche di lotta al narcotraffico condotte da questi ultimi. Da quest’elaborato si potrà comprendere come la forza del cartello di Medellìn non si trovasse all’interno cartello, bensì al di fuori, in tutta l’infrastruttura su cui si reggeva. (15-07-2016)

tesi-stampo-antimafioso-definitiva_1“’O professore”: Raffaele Cutolo e la Nuova Camorra Organizzata. Tra programma criminale e ideologia

di Nicolò Esposito

Trasformare la camorra in un’organizzazione criminale potente, gerarchica e verticistica, ponendo come basi una forte ideologia delinquenziale regional-popolare e un’obbedienza cieca verso il capo. È stato questo, in estrema sintesi, il progetto criminale perseguito da Raffaele Cutolo, spietato boss della camorra napoletana e protagonista assoluto della scena delinquenziale campana (e nazionale) per tutto il corso degli anni ‘70 e per i primi anni ‘80. Questo elaborato finale si propone, in una chiave sia storica sia analitica, di ripercorrere le tappe fondamentali dell’organizzazione criminale camorristica della Nuova Camorra Organizzata, di sviscerarne le caratteristiche principali, di individuare le componenti che le hanno permesso di ritagliarsi una posizione di rilievo nel quadro criminale campano e di capire i motivi della sua penetrazione nel tessuto sociale locale. (30-11-2015)

carabinieri mafiaL’Arma dei Carabinieri nel contrasto a Cosa Nostra. Dal secondo dopoguerra a oggi

di Marco Bruno

L’elaborato si prefigge di fornire una panoramica del contributo della benemerita nella repressione del fenomeno mafioso in Sicilia negli ultimi 50-60 anni. E’ stato strutturato sulle individualità dei militari dell’Arma per sottolineare la mancanza di organicità da parte delle istituzioni dello Stato nella repressione della criminalità organizzata. Si ritiene di particolare interesse rilevare il fatto che, a livello informativo, molti investigatori dell’Arma fossero riusciti a delineare un quadro abbastanza chiaro della struttura mafiosa, o quantomeno a capire e schedare i personaggi chiave. Le capacità investigative (intese come capitale umano visti gli scarsissimi mezzi), sia nell’Arma che nella Polizia di Stato, dunque erano già all’epoca molto valide ma mancava qualcos’altro… (16-07-2015)

andreotti mafiaMafia, politica e giustizia. Un caso controverso: il processo andreotti

di Mattia Maestri

L’elaborato in questione tratta dei rapporti tra mafia, politica e giustizia, prendendo in esame una caso specifico e controverso: il processo Andreotti. Partendo dal rapporto tra mafia e politica nel secondo dopoguerra e proseguendo con l’analisi politica e sociale della corrente andreottiana siciliana, l’elaborato analizza l’atto d’accusa dei magistrati di Palermo all’ex Presidente del Consiglio e ministro, e il successivo processo. Inoltre, non di secondaria importanza, viene dato spazio agli schieramenti d’opinione durante le fasi processuali, concludendo con l’analisi della sentenza definitiva e le dovute riflessioni a riguardo. Potremmo provocatoriamente sintetizzare questa tesi di Laurea con un quesito: Andreotti assolto? (22-03-2015)

elaborato-finale-mattia-calise-copia-definitivo_1Perché lo Stato arriva dopo la mafia. Uno studio teorico

di Mattia Calise

Errori di valutazione, inefficacia delle azioni di contrasto e assenza di volontà politica hanno segnato numerose fasi della storia dell’antimafia in Italia, garantendo ai clan la libertà di agire pressoché indisturbati per anni. Questo studio intende dimostrare che i tempi di risposta dello Stato sono una delle cause di successo della criminalità organizzata e che risulta necessario un profondo cambiamento strategico volto a rendere dinamico e reattivo l’apparato di prevenzione e contrasto. Senza una tale innovazione lo Stato resterà incapace di adattarsi alle dinamiche evolutive delle moderne realtà criminali, sempre più liquide, multiformi e interconnesse. (23-04-2016)

L'economia della camorraL’economia della camorra. Tra dimensione legale e dimensione illegale

di Maria Grazia Chiaramonte

Sempre più spesso si sente associare alla camorra il termine “Sistema”. Oltre ad essere un’organizzazione criminale, la camorra si avvale di una struttura operativa che la rende un vero e proprio sistema, un sistema in grado di autofinanziarsi redistribuendo le risorse per il funzionamento dello stesso, e in grado di influenzare (a livello economico, politico e sociale) il territorio locale e nazionale. Con questa tesi si cerca di analizzare il funzionamento del Sistema della camorra, e come sia stato in grado di svilupparsi ed evolversi nel tempo, fino a condurre la camorra ad essere considerata una tra le organizzazioni criminali più pericolose in Italia. (10-07-2016)

crim-org-balcani-occ-tesi-finale-stampa_1La criminalità organizzata nei balcani occidentali

di Dusan Desnica

L’elaborato è volto ad analizzare la nascita e lo sviluppo della criminalità organizzata nei Balcani Occidentali. In particolar modo si trattano i molteplici fattori – fine del bipolarismo, dissoluzione della Jugoslavia socialista, conflitti etnici, ruolo delle sanzioni economiche e centralità della rotta balcanica per i traffici criminali – che hanno portato all’affermazione del crimine organizzato nella regione. In secondo luogo ci si concentra sulla situazione delle singole realtà statali nel dopoguerra, con particolare riferimento al caso della Serbia, dove la criminalità organizzata è arrivata a influenzare nel profondo il processo di democratizzazione del paese. (30-11-2015)

criminalità organizzata in FranciaNuove prospettive della criminalità organizzata in Francia: il Milieu tra passato e presente

di Francesca Festa

La Francia è il paese europeo dove la rimozione del fenomeno mafioso risulta essere più critica. Molteplici errori da parte delle istituzioni francesi hanno portato a una sottovalutazione dei numerosi insediamenti criminali presenti sul territorio, fortemente banalizzati in semplici forme di banditismo. Persiste la convinzione che gli unici esempi di crimine organizzato risalenti al periodo della French Connection siano stati ben debellati dal Paese e che resistano solo alcuni ultimi testimoni del Milieu Corso-Marsigliese. L’attuale vuoto di diritto circa il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso potrà essere colmato solo tramite una esaustiva comprensione del fenomeno. A tal proposito, si è cercato di illustrare le nuove forme di crimine organizzato in Francia, sia autoctone, sia straniere evidenziando sette aree ad alta densità criminale. (15-07-2015)

tesi Claudio CampesiRibellarsi a Rosarno: la costruzione di una nuova cultura civile nella piana di Gioia Tauro

di Claudio Campesi

Se quella che oggi è definita l’organizzazione criminale di stampo mafioso più potente è stata sottovalutata al punto di essere inserita nell’elenco delle associazioni criminali solo nel 2010, non è anomalo constatare come le storie di chi abbia provato a contrastarla siano perlopiù sconosciute. Una terra che ha saputo partorire un male come quello ‘ndranghetista ha avuto, ed ha, anche la forza di crearne gli anticorpi. È necessario innanzitutto ricostruire una memoria storica condivisa che restituisca alla comunità rosarnese il valore del ricordo; tale processo produce infatti un effetto pedagogico-educativo volto a dimostrare che un cambiamento dello status quo è stato possibile in passato e pertanto è possibile emulare nel quotidiano. È in quest’ottica che verranno raccontate le esperienze che, in particolare in campo economico, istituzionale e culturale, testimoniano lo sviluppo, a Rosarno, di una cultura civile antitetica al sistema ‘ndrangheta. Storie di uomini comuni, della Calabria che resiste. (19-12-2015)

guerra e mafia mottaIl contesto criminogeno. Criminalità organizzata e conflitti bellici: sei casi a confronto

di Samule Motta

Ogni criminalità organizzata si è da sempre contraddistinta, tra le altre, per la caratteristica precipua di avere il controllo territoriale delle aree in cui opera. Questi territori sono però sempre “spazi” in cui il controllo statale è carente o del tutto assente, ossia luoghi in cui vi è un “vuoto” di potere legittimo. La guerra è definibile proprio come la “creatrice di vuoti” per eccellenza, in quanto pone, sul territorio in cui è combattuta, due o più entità che si autoproclamano come legittime. Ed è proprio nei conflitti, nel corso del XX secolo, che le organizzazioni criminali si sono infiltrate per garantirsi numerosi vantaggi, permettendo loro di accumulare enormi profitti e stabilire legami internazionali; trasformandoli in “contesti criminogeni”. Tramite sei casi studio, si mostra quindi con quali modalità e mezzi la criminalità organizzata abbia cercato di ottenere benefici dalle situazioni di guerra; analizzando il rapporto che si è venuto nel tempo a creare tra la criminalità organizzata ed i conflitti bellici.

La-natura-sovversiva-della-mafia-tra-società-e-diritto_01La natura sovversiva della mafia tra società e diritto

di Mirko Mazzilli

Qual è il bene comune più prezioso che le organizzazioni criminali mafiose mettono in pericolo o danneggiano? È certamente la democrazia. La natura sovversiva della mafia, risalta in primis dall’analisi della definizione di Stato e della mafia, considerando diverse analogie presenti in entrambi i sistemi di potere e nelle loro caratteristiche e differenze sostanziali. Una sovversione subdola, diversa da quella del terrorismo o delle associazioni sovversive o di eversione dell’ordine democratico, in quanto indiretta, perché non direttamente volta alla distruzione dello Stato ma volta comunque a condizionarne il potere in favore della stessa e quindi forse più pericolosa.

LA CHIESA PALERMITANA CONTRO LA MAFIALa chiesa palermitana contro la mafia: esperienza e testimonianza di Padre Pino Puglisi

di Gianmarco Crescentini

«[Don Puglisi] era un prete che predicava contro la mafia. Quindi era una persona che dava fastidio alla famiglia dei mafiosi di Brancaccio». «Lui si prendeva i bambini per non farceli cadere, diciamo, a farli diventare persone che rubano, che vanno in carcere, per non darli, diciamo, nelle mani alla mafia». «Padre Puglisi non si era incanalato, stava cercando di fare tutto a modo suo e quello che si fa nel quartiere deve partire dalla famiglia che gestisce tutto». Basterebbero queste dichiarazioni fatte da alcuni collaboratori di giustizia per capire perchè è stato ucciso don Puglisi la notte del 15 settembre 1993. Ma non raccontano chi era davvero. In questa tesi si cerca di ricostruire la sua figura partendo dal ruolo svolto all’interno della comunità di Brancaccio, raccontando quale fosse il suo impegno pedagogico ed educativo con i più giovani, e quale il suo impegno civile e sociale per il quartiere palermitano. (15-07-2015)

Tesi di Luca Bonzanni_01Le organizzazioni criminali in provincia di Bergamo: un modello pluralista

di Luca Bonzanni

Benché per molto tempo sottovalutata, la storia della presenza delle organizzazioni mafiose in provincia di Bergamo è lunga e articolata. Partendo dai soggiorni obbligati e dalla stagione dei sequestri, l’elaborato analizza l’operatività e il conseguente radicamento dei clan sul territorio bergamasco, offrendo infine una panoramica sulle risposte di politica, imprenditoria e società civile. Uno sguardo più approfondito, inoltre, segnala l’esistenza di fenomeni autoctoni che, benché non collegati alla criminalità organizzata di matrice mafiosa, presentano dal punto di vista sociologico – e in parte anche dal punto di vista giuridico – i tratti del modello mafioso.

MOVIMENTI DI GUERRIGLIA E CRIMINALITA' ORGANIZZATA IN AFRICA SUBSAHARIANA - EDP_01Movimenti di guerriglia e criminalità organizzata in Africa subshariana

di Eleonora Di Pilato

Quale nesso esiste tra l’apparente follia delle guerre civili africane e la qualità del fenomeno criminale? Risulta prevalente la motivazione sull’origine politica delle guerriglie, secondo l’impostazione data dall'”ipotesi grievance”, o quella economica, sull’avidità dei gruppi armati irregolari, data dall'”ipotesi greed”? L’elaborato si propone di indagare il rapporto di interdipendenza sussistente tra i movimenti di guerriglia e la criminalità organizzata in Africa subsahariana, evidenziando come le guerre civili siano imputabili ad una compresenza dei fattori di rivendicazione etnico-politica, e di avidità criminale, piuttosto che ad una loro alternatività. Per la parte regionale, incentrata sull’Africa centrale e occidentale, è stato condotto uno studio comparato sulla base di 11 indici, al fine di delineare due modelli di criminalità organizzata, l’uno, detto “Milizie criminali”, per la Repubblica Democratica del Congo, l’altro, detto “Milizie criminalizzate”, per la Sierra Leone.

Tesi Federico BergnaCorruzione e mafia a Milano: Il caso Duomo Connection

di Federico Bergna

L’inchiesta Duomo Connection pur essendo oggi pressoché dimenticata, riveste un ruolo rilevante sotto diversi punti di vista. Sotto un profilo giudiziario e dell’antimafia pone le basi per le successive indagini. Secondariamente l’inchiesta rappresenta il primo caso in cui si hanno sugli stessi banchi di un tribunale degli imputati boss, narcotrafficanti, funzionari comunali e un assessore in un processo a Milano. Inoltre, la Duomo Connection anticipa di due anni Tangentopoli, facendo già emergere su scala minore tutti gli elementi del sistema. Infine vi è la dimostrazione di una penetrazione in città delle organizzazioni criminali di stampo mafioso. Questo elaborato vuole fare luce su questa vicenda partendo da un’analisi separata –ma parallela- del fenomeno della corruzione e dell’insediamento mafioso in città, analizzando i casi emblematici per la comprensione dei due fenomeni, i meccanismi a essi funzionali radicati in città e terminando con l’inchiesta nella quale si incontrano.

tesi Giorgia Venturini_01I traditori. Codici di condotta e lotta per il potere in Cosa nostra

di Giorgia Venturini

Questa tesi analizza il fenomeno del tradimento nella lotta di potere ai vertici di Cosa Nostra tra la  mafia palermitana di Stefano Bontate e quella corleonese in ascesa di Salvatore Riina. Maestro nell’arte della tragedia e del tradimento era proprio quest’ultimo che, aiutato da quell’obbligo all’obbedienza che costringe a rinnegare amici, parenti e fratelli se si vuol salva la vita, sceglieva ed addestrava palermitani a tradire. L’obiettivo dell’elaborato, inoltre, è quello di dimostrare che tradimento genera sempre altro tradimento, abbattendo, pertanto, i principi di fedeltà e onore che gli uomini di Cosa Nostra degli anni ottanta dicevano di avere.

Licenza Creative Commons

Queste opere sono distribuite con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported.